skip to Main Content
Strategia Web Marketing come usare la SEO al top-i consigli di Factory Communication

Strategia web marketing: come usare la SEO al top

Copywriter & Content Writer

Cosa non dovrebbe mai mancare in una strategia di web marketing? La SEO strategy. Tutte le aziende che sono presenti sul web con un sito o un portale ormai hanno sentito parlare di Search Engine Optimization, ovvero un insieme di buone pratiche che fanno sì che un contenuto sia trovato più facilmente da Google e dai motori di ricerca.

Ma quante stanno facendo davvero bene?

Che cos’è la SEO e quali sono i vantaggi

Definizione di SEO e vantaggi Factory Communication

Facciamo un passo indietro. La SEO, come abbiamo detto, è l’ottimizzazione di un sito o di un contenuto per i motori di ricerca. I motori di ricerca utilizzano algoritmi molto complessi che determinano quale pagina viene premiata con un buon posizionamento in SERP (la schermata che appare quando effettuiamo una ricerca, con tutti i risultati in ordine di pertinenza, autorità, utilità ecc).

Il motore di ricerca individua una pagina e la associa ad un determinato topic leggendo i metadati e le parole chiave. 

L’obiettivo di una strategia SEO è quello di aumentare la visibilità di un’azienda o di un brand tra i risultati organici e cioè senza advertising a pagamento (quello che invece si fa con Google Ads, per intenderci).

Per questo la SEO è un elemento irrinunciabile in una strategia di web marketing.

I vantaggi di una SEO strategy 

Possono essere sintetizzati così:

  1. Migliora la reputazione del brand;
  2. Incoraggia l’acquisto da parte di utenti interessati a un prodotto o a un servizio, al punto da aver effettuato una ricerca su Google;
  3. Attraverso il content marketing influenza i comportamenti d’acquisto, accompagnando l’utente nella buyer’s journey fino a quando non si converte in cliente pagante e, perché no, in un cliente fidelizzato.

Inoltre, per la nostra esperienza di prima mano, abbiamo potuto osservare che molto spesso i clienti che arrivano all’acquisto passando per la SEO strategy e la ricerca organica, tendono a chiudere carrelli o offerte di importi maggiori rispetto alla media. Questo avviene perché sono persone davvero interessate a quanto proponiamo. Se l’obiettivo di ogni strategia di web marketing (così come di marketing tradizionale) è quello di incrementare il numero dei clienti e il fatturato, allora è chiaro che non potrai rinunciare alla SEO.

La SEO per la tua strategia web marketing

La SEO per la tua strategia web marketing Factory Communication

Quali sono le buone pratiche che dovresti adottare per una SEO strategy vincente, che dia la spinta che serve alla tua strategia di marketing digitale?

Cercheremo di essere sintetici, indicandoti quali sono gli aspetti che dovresti curare maggiormente per avere successo.

What Google wants

Citiamo il titolo di un vecchio film, “What women want”, per dire che quando facciamo SEO dobbiamo metterci nei panni di Google. 

Facciamo riferimento a questo motore di ricerca e non ad altri perché è lì che oggi vengono effettuate quasi tutte le ricerche online su scala globale.

Se una pagina soddisfa i criteri indicati da Google per l’ottimizzazione sui motori di ricerca (quindi è ottimizzata SEO) ottiene un punteggio migliore nel ranking ed ha maggiore visibilità per gli utenti, perché compare tra i primi risultati di ricerca (SERP).

Il punteggio nel ranking dipende da due macro-elementi:

  1. La rilevanza dei contenuti rispetto all’argomento trattato, che viene di solito stabilita in base all’uso di keywords o parole chiave scelte in base alle query più spesso eseguite dagli utenti interessati ad un topic;
  2. L’autorità del sito web, che viene calcolata in base al traffico, a quante volte viene linkata da altri domini (link building) o condivisa sui social.

Questa attenzione da parte dell’algoritmo Google ai contenuti pregnanti per l’utente fa sì che spesso si parli di un framework “E-A-T SEO”, dove E-A-T sta per Expertise, Authoritativeness, Trustworthiness.

Che cos’è una SEO strategy

La SEO strategy quindi è una parte importante in una strategia di digital marketing. Consiste nel pianificare una serie di azioni con l’obiettivo di aumentare il traffico al sito aziendale attraverso la SEO.

Una strategia che vuole scalare il ranking deve lavorare su due fronti:

  • le keywords e i metadati: è la on page SEO che lavora sulla rilevanza;
  • la link building esterna e interna: è la off page SEO che lavora sull’autorevolezza e l’affidabilità del dominio.

Quali aspetti tecnici devi tenere a mente

Dal punto di vista dell’utente umano, un sito web è fatto di immagini, video, colori e un bel design. Ma quando il motore di ricerca legge un sito, legge solamente codice, testo e link.

La SEO quindi richiede alcune accortezze eminentemente tecniche:

  1. Usa URL semplici a livello testuale;
  2. Crea link e collegamenti di testo per permettere al crawler del motore di ricerca di associare facilmente i contenuti ad un topic. Correggi anche i link non funzionanti o che portano a pagine che non esistono più;
  3. Assicurati che la pagina carichi velocemente. Con le novità introdotte dai Google Core Web Vitals l’esperienza utente è un elemento sempre più premiante per il ranking;
  4. Crea la mappa del sito per consentire a Google di sapere quali pagine deve leggere e indicizzare. Crea anche un file robot.text per far sapere al motore di ricerca quali contenuti non devono essere indicizzati (per esempio le privacy policy ecc);
  5. Elimina i contenuti duplicati, perché sono penalizzanti.

Come lavorare sui contenuti

La prima regola aurea è che i contenuti devono essere utili, divertenti o ispiranti per gli utenti in target. Nel content marketing si parla di contenuti di valore o contenuti rilevanti. 

Questa è la colonna portante di tutte le strategie di web marketing, in ogni asset in cui prevedi di pubblicare e distribuire contenuti: social media strategy, content marketing strategy o SEO strategy non fa differenza.

Anche per Google, come dicevamo, è importante che i contenuti siano rilevanti per gli utenti. Il modo in cui il motore di ricerca capisce se un articolo blog, una pagina web o un contenuto multimediale è in topic è l’analisi delle parole chiave.

La keyword research

Per scegliere le parole chiave da utilizzare puoi usare dei tools specifici come ad esempio SEM Rush. Sono strumenti che ti permettono di individuare le keywords con più volume o che ti danno l’opportunità di raggiungere una tua nicchia di utenti. 

I suggerimenti si basano sui dati raccolti dalle ricerche eseguite dagli utenti su Google nel tempo, su scala globale: un’enorme mole di dati, che ci consente di comprendere in che modo le persone eseguono le query e di adattare i contenuti alle loro esigenze.

La SEO on page

Ci sono degli elementi che dovresti ottimizzare nella tua pagina web e riguardano la SEO on page.

Si tratta di inserire le tue keywords in alcune parti strategiche dei contenuti, quali:

  • Titolo
  • Headers (H1, H2, H3) che sono i titoli dei paragrafi in cui suddividi gerarchicamente il testo;
  • URL della pagina;
  • Meta title e meta description (il titolo e la descrizione che appaiono nell’anteprima Google);
  • Alt text delle immagini.

Altre buone pratiche per ottimizzare la SEO on page:

  • usare link interni e link esterni;
  • variare la keyword principale con altre parole e frasi chiave ad essa semanticamente collegate;
  • scegliere la giusta lunghezza dei contenuti (di solito un contenuto lungo si classifica meglio nel ranking).
La SEO off page

Infine, per ottenere il massimo dalla tua SEO strategy e dare benzina alla strategia di web marketing dovresti curare la SEO off page, soprattutto a livello di link building interna ed esterna.

Per Google è un bene che i tuoi contenuti contengano link interni al tuo stesso dominio, ma è ancora meglio ottenere dei backlink, ovvero essere linkati da domini esterni.

I siti molto autorevoli (aziende molto affermate, wiki, testate giornalistiche attendibili, istituti e centri di ricerca ecc) ottengono facilmente backlink. Per tutti gli altri è meglio iniziare con una solida strategia di PR digitali che includa alcune azioni, come per esempio:

  • contattare altri siti web per ottenere backlink;
  • essere ospitati con guest post su altri domini;
  • analizzare cosa fanno i competitor e come ottengono i loro backlinks.

I risultati della SEO nella tua strategia web marketing: quali KPI

I risultati della SEO nella tua strategia web marketing quali KPI Factory Communication

Infine, non ci resta che dirti quali sono i KPI da tenere bene a mente per sapere se la tua SEO strategy sta funzionando e sta facendo la sua parte nella strategia di marketing aziendale.

Ecco i principali parametri e obiettivi che ti suggeriamo di monitorare:

  1. il traffico organico al sito web o alle pagine ottimizzate;
  2. il ranking delle keywords che hai adottato;
  3. il conversion rate degli utenti che arrivano al tuo sito dalla ricerca organica;
  4. il tempo medio di una sessione sul tuo sito web e il bounce rate;
  5. le landing page che veicolano maggiore traffico;
  6. il numero delle pagine ottimizzate;
  7. i backlink ottenuti.

Dal momento che la SEO strategy richiede competenze tecniche piuttosto spiccate e una forte conoscenza del mondo web e digital, molte aziende preferiscono affidarsi ad un’agenzia di comunicazione specializzata nella costruzione di strategie di marketing digitale.

Sei interessato ad approfondire le tematiche relative alla SEO nella tua strategia web marketing?

Leggi questi articoli:

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back To Top