Cerca
Close this search box.

Migliorare il posizionamento su Google: 3 buoni motivi e 4 utili consigli

Scritta Google su fondo grigio. Sotto la scritta la parola Search e una lente di ingrandimento

In questo articolo vediamo perché è importante per il business della tua Azienda migliorare il posizionamento su Google, definito anche indicizzazione.

Definizione: Per indicizzazione si intende l’inserimento di un sito web o un blog nel database di un motore di ricerca.

Spesso si legge che la SEO è morta e che non serve a niente. Ecco, non credere a questo perché è viva e sta benissimo. Anzi, fare SEO è cruciale per qualsiasi attività commerciale e non.

Più che mai questo sarà sempre un trend importante da seguire e cavalcare per aumentare la propria visibilità sul web (e di conseguenza anche il fatturato).

Chi dice che la SEO non serve a niente ha torto: è inutile solo se non integrata in una strategia di Marketing e Comunicazione.

Vuoi incrementare le vendite? Leggi subito la nostra guida su come migliorare il posizionamento su Google

Una ricerca a cura di Forrester Consumer Technographics ha dimostrato che il 49% dei consumatori si affida alla ricerca online quando intraprende una decisione di acquisto.

Hai un’attività commerciale e non sai come darle la giusta visibilità? Come sempre alla base di tutto c’è la costruzione della giusta strategia.

  • Come vogliamo essere posizionati sul mercato?
  • Qual è il nostro target di riferimento?
  • Come sono messi i nostri Competitors?

È fondamentale rispondere a queste domande per capire come e a chi ci vogliamo rivolgere.

Il passo successivo è studiare la giusta Strategia Marketing e Comunicazione.

Scopri 3 buoni motivi per migliorare la posizione su Google della tua Azienda

1° motivo: Fare SEO significa costruire un brand solido

A meno che tu non abbia già un’azienda con un brand forte, quindi con una reputazione di affidabilità consolidata, è molto facile che gli utenti ricerchino informazioni online prima di fare qualsiasi acquisto.

Per questo motivo è fondamentale fare SEO per aumentare la consapevolezza e la visibilità del proprio marchio.

“Fermati un attimo e pensaci: quante volte tu stesso fai diverse ricerche su Google prima di prendere una decisione finale? Online cerchiamo tutto: il tour operator al quale affidarci per le vacanze, il ristorante in cui recarsi per un’occasione speciale o ancora un acquisto di qualsiasi tipologia.”

Questo significa che tutti noi tendiamo ad eseguire una moltitudine di ricerche prima di prendere una decisione.

Lavorare bene sulla SEO fa sì che la SERP (Search Engine Results Page) restituisca continuamente il tuo sito web per un’ampia gamma di query, aiutandoti a guadagnare posizioni nella mente dei tuoi potenziali clienti.
Ovviamente, più si apparirà all’interno dei risultati di ricerca maggiori saranno le probabilità di conversione da utente a cliente.

2° motivo: La SEO ti aiuta a raggiungere meglio i tuoi potenziali clienti

Siamo costantemente bombardati da pubblicità: in radio, alla TV e perfino sui social network.
Le forme tradizionali di advertising stanno perdendo terreno e hype tra i consumatori, lasciando spazio alle nuove forme di comunicazione digitale in cui è il cliente a trovare l’azienda e non più viceversa.

Le modalità di promozione sono cambiate, tanto che la facilità di accesso alle informazioni ci ha permesso di essere più ricettivi nei confronti del web.

Ora le persone hanno maggiori probabilità di visitare un sito internet anziché un negozio fisico, o comunque ricercano le informazioni necessarie prima di farlo.

“Questo è il motivo per cui è responsabilità di qualsiasi attività commerciale quella di essere presenti nello stesso luogo in cui si trovano i propri clienti. Parliamo ovviamente di Google.”

Ad ogni modo, esserci non è sufficiente. Bisogna essere visibili, il che significa  essere posizionati nella prima pagina dei risultati di ricerca.

Questo risultato si può ottenere soltanto lavorando sulla SEO in maniera corretta e non si possono ignorare quelle che sono le nuove esigenze degli utenti/clienti.

3° motivo: migliorare indicizzazione Google ha un costo inferiore rispetto al PPC

Molto spesso si preferiscono le Campagne PPC alla SEO perché il primo è più immediato. Certo, questo è innegabile ma il vantaggio della SEO è che questa offre risultati costanti e sul lungo termine, mentre il PPC ha un effetto breve (finché si pagano le inserzioni si è presenti).

Inoltre, diversi studi dimostrano che la ricerca organica guida quasi il 95% del traffico e che circa l’80% degli utenti ignora gli annunci, concentrandosi solo sui risultati in SERP.

Esempio di ricerca effettuato su Google utilizzando la parola chiave "posizionamento su google"

Migliorare posizionamento su Google: Scopri 4 utili consigli

Il sito internet è il punto di riferimento di ogni azienda e attività.
Il luogo dove è possibile trovare informazioni sui servizi offerti, gli orari di apertura, la propria rete vendita…etc. Inoltre, se correttamente impostato, ed indicizzato, consente di raccogliere tantissimi nominativi, veicolare offerte e promozioni.
Tutto a costi ridottissimi.

Quello che analizziamo oggi, in questo articolo, è uno degli elementi centrali di quella che viene definita come Strategia Web Marketing, cioè la strategia SEO Search Engine Optimization, fondamentale per posizionare il tuo sito internet sui motori di ricerca.

La cosa migliore per ottenere un buon posizionamento è applicare questa tecnica fin dalla fase di progettazione del sito.

Riportiamo 4 utili consigli per ottenere risultati efficaci ed efficienti in termini di visibilità ed indicizzazione sui principali motori di ricerca.

Step 1. Rendersi interessanti e utili ai propri utenti

Un testo destinato al mondo del web deve essere scritto secondo regole di scrittura specifiche.
Perché la comprensione di una pagina sia chiara ed immediata, le frasi devono essere brevi e sintetiche.
Gli utenti non hanno tempo da perdere, motivo per cui la sintesi è fondamentale.
È inutile faro un lavoro pazzesco di indicizzazione, se i nostri contenuti non sono chiari e comprensibili.

All’interno del nostro sito è importante comunicare novità ed informazioni utili agli utenti, che siano lead (possibili clienti) o clienti.
Per questo motivo è importante studiare che cosa stanno cercando, per dare loro la giusta risposta.
È sufficiente analizzare le ricerche effettuate.

Grazie a Google Analytics possiamo capire la provenienza e quali pagine hanno visitato.
Con Google Search Console, altro servizio gratuito di Google, possiamo scoprire quali parole chiave hanno utilizzato per arrivare al nostro sito.

Ribadisco. Per generare interesse nei nostri utenti è fondamentale scrivere contenuti di valore.
Non comunicare solo info relative ai prodotti ed ai servizi della nostra azienda.
È fondamentale organizzare la nostra comunicazione in modo tale che risulti utile ai potenziali clienti. È fondamentale dare informazioni di valore.

Se stanno effettuando una ricerca, vogliono trovare delle risposte, che devono essere esaustive, approfondite, dettagliate.
Se riusciamo a soddisfare la loro necessità, appariremo ai loro occhi, come esperti di quel settore.
Poco per volta instaureremo con il nostro utente un rapporto di fiducia.
Solo dopo aver raggiunto questo obiettivo, potremo parlare di prodotti e servizi.

Step 2. Studio ed analisi dei Competitor

Per realizzare la tua strategia di posizionamento su Google è importante conoscere i tuoi Competitor, studiare chi sono e come si posizionano sui principali motori di ricerca.

Questa operazione è utile per capire vari aspetti, permettendoci di poter operare con soluzioni mirate e creare la giusta indicizzazione.

Grazie all’analisi online, verifichiamo come i competitor sono presenti sul web e con quali azioni.
Analizziamo le loro strategie ed eventuali punti di forza e debolezza.

Se lo vuoi fare in autonomia ti segnaliamo che sul web sono disponibili tantissimi Tools e Servizi sia gratuiti.
Noi di Factory Communication utilizziamo SemRush, una delle suite più performanti disponibili sul mercato.

Quali sono le parole chiave utilizzate dai vostri competitor e come sono posizionati per ogni parola chiave?

È fondamentale scoprire scoprire:

  • Quali sono le parole chiave che utilizzano
  • Qual è il traffico che intercettano
  • In quale punto della Serp (elenco dei risultati dei motori di ricerca) si trovano i loro risultati
  • Sostanzialmente come sono posizionati sul Web.

Step 3. Posizionamento su Google: come ti cercano gli utenti?

Per ottenere la giusta indicizzazione è fondamentale creare la giusta strategia SEO.

Il lavoro di scrittura, compiuto da un webwriter, avviene in seguito ad un’approfondita ricerca e pianificazione delle principali parole chiave (keywords).

Le parole chiave da utilizzare per realizzare i contenuti del sito sono frutto della strategia SEO e della strategia di posizionamento dell’azienda.

immagini stilizzata di una chiave con sopra la scritta Keyword

Scopri quali sono le parole chiave utilizzate dagli utenti per ricercare il tuo prodotto o servizio

Questo ci permette di capire come gli utenti fanno le ricerche sul web. Se sappiamo come cercano i nostri prodotti o servizi abbiamo fatto goal. Viene definita anche “intenzione di ricerca”.

L’intenzione di ricerca la possiamo classificare in 3 tipologie differenti di keywords:

  • Informazionali
  • Transazionali
  • Navigazionali

Se volete approfondire questo argomento vi invito a leggere questo articolo:

Quanta concorrenza ha una parola chiave?

Più è elevata, maggiore sarà lo sforzo per posizionarsi su quella keyword, la vostra indicizzazione andrà in fumo.

Perché scegliere di fare la guerra ad un competitor su una parola chiave specifica dove è ben posizionato?

Potreste scoprire parole chiave simili, diciamo correlate, con una concorrenza più bassa.

Step 4. Stabilisci per quale parola chiave vuoi farti trovare

State decidendo come posizionarvi sul web, come indicizzare il vostro sito. Questo passo è estremamente importante.

In questa fase viene costruito quello che in gergo definiamo “albero delle keywords“.

L’albero delle keywords è la conseguenza dei punti sopra riportati. Si sviluppa in base al:

  • alle ricerche effettuate dagli utenti
  • al posizionamento dei competitor per specifiche parole chiave
  • alla strategia che vogliamo adottare per posizionare il nostro sito internet

L’albero delle keywords definisce il livello di importanza di ogni parola chiave:

  • La chiave più importante;
  • 5/6 chiavi di importanza media;
  • 10/15 chiavi in ordine decrescente meno importanti;
  • Etc..

Una volta realizzato l’albero delle keywords sarà sufficiente utilizzare queste parole chiave per realizzare i contenuti del sito internet.

Le giuste keyword permettono di editare contenuti ottimizzati in base alle regole e tecniche SEO e garantire così un’eccellente indicizzazione del sito sui principali motori di ricerca.

Se volete approfondire le tematiche relative alla scrittura per il web, vi consiglio di leggere l’articolo che tratta questo argomento: Article Marketing.

Conclusione: migliorare posizionamento Google migliora il business della tua Azienda!

In linea generale, quando si possiede un’attività commerciale si ha poco tempo da dedicare alla propria immagine online, quindi diventa anche difficile fare SEO in maniera corretta.

Avere un professionista che lo fa per te ti aiuterà ad avere una persona che si prende cura del tuo sito web e che lo monitora da vicino, rafforzandone gli aspetti tecnici costantemente per offrire agli utenti delle esperienze sempre migliori.

Prenderti cura della tua visibilità online ti aiuterà a migliorare in modo significativo il traffico, quindi le conversioni e le vendite. Davvero non lo vorresti?!

Ma allora la SEO è ancora viva? Assolutamente sì e nell’articolo di oggi ti abbiamo dato 3 buoni motivi e 4 utili consigli per cui dovresti fare SEO oggi.

Insomma, pensare che oggi un marchio possa vivere senza una SEO strategy è impensabile, anche perché questa offre risultati sul lungo termine sia per il numero di visitatori atterrati sul sito web, sia per il numero di clienti acquisiti nel tempo.

Sei interessato ad approfondire le tematiche relative alla SEO?

Leggi questi articoli:

Condividi su