Cerca
Close this search box.

Traffico organico: che cos’è

Indice dei contenuti

Traffico organico si riferisce al comportamento dei visitatori che arrivano sul sito web dopo aver digitato nel campo di ricerca una o più parole chiave.

Ogni volta che digiti una domanda su Google (query di ricerca) o su qualsiasi altro motore di ricerca, l’elenco dei link che appare sulla SERP sotto gli annunci è noto come “risultati organici”.

Il traffico organico è l’opposto del traffico a pagamento, che genera visite dagli annunci sponsorizzati, a seguito di un’offerta da parte di un inserzionista.

Il traffico SEO permette ai visitatori di trovare un sito web utilizzando un motore di ricerca, come Google, Bing o Yahoo.

Traffico organico: come incrementarlo?

Per incrementare il traffico organico di un sito web è necessario pubblicare, con regolare cadenza, contenuti di qualità, utili e pertinenti al proprio sito o blog.

Una delle tecniche del marketing digitale che si focalizza sul miglioramento del traffico organico è la Strategia SEO.

Le strategie di Search Engine Optimization sono fondamentali per posizionare i contenuti di un sito internet sui primi risultati dei motori di ricerca.

Sono attività estremamente complesse da realizzare in quanto devono tenere in considerazione molteplici fattori come ad esempio:

  • Posizionamento seo dei Competitors
  • Trand di ricerca degli utenti
  • Keyword inserite nel proprio sito
  • Pianificazione di nuovi contenuti SEO per incrementare il posizionamento

Migliore è la ricerca di parole chiave specifiche, più alto sarà il ranking per i risultati di ricerca organici.

Per questo motivo si predilige l’utilizzo di Keyword di coda lunga. Generano meno traffico ma hanno un livello di competition decisamente minore delle keyword generiche.

La creazione di contenuti di valore con parole chiave specifiche è essenziale per aumentare i risultati di ricerca organica.

L’unica pecca di questa strategia è che la ricerca organica richiede tempo per incrementare la visibilità della tua Azienda.

Se hai l’esigenza di incrementare le vendite nel breve periodo ti consigliamo di affiancare alla Strategia SEO una Campagna di Advertising.

Trend di ricerca organica

La parola trend è ormai di uso comune, possiamo tradurla come tendenza o più semplicemente moda. Un trend ha un periodo di tempo specifico e si rivolge o intercetta un pubblico (target) più o meno specifico. Ora se questo concetto lo spostiamo sul web, viene definito “trend di ricerca organica”, cioè le ricerche degli utenti realizzate sui motori di ricerca. Come tutti sappiamo Google è Re in questo tipologia di ricerca.

Come e perché analizzare i Trend di ricerca organica

Se hai un sito internet, sicuramente hai l’esigenza o la voglia, che questo sia visitato dal maggior numero di persone. Come sempre diciamo il goal è avere siti verticalizzati e specializzati in ambiti ben precisi, ricchi di informazioni originali (non copiate da altre fonti) ed utili per gli utenti.

Ricordiamo che il business di Google deriva prevalentemente dal proprio motore di ricerca. Quindi il suo interesse è mantenere elevata l’efficacia e la coerenza delle risposte che, gli utenti, cercano tramite le parole chiave.

Google premia tutti quei contenuti ricchi di informazioni utili e che gli utenti trovano interessanti.

Partendo da questi presupposti, è chiaro che per scrivere contenuti pertinenti e di interesse per il pubblico Web è fondamentale conoscere i Trend di ricerca organica, cioè “le tendenze” di quel preciso momento sul Web.

Qui ci viene nuovamente in aiuto Google con un importante strumento che si chiama “Google Trends” che in modo semplice ed immediato riesce a darci una panoramica delle tendenze del Web, anche se, spesse volte, non riesce a fornirci informazioni dettagliate.

CONDIVIDI SU: