Cerca
Close this search box.

SEM – SEO: conoscile per migliorare il posizionamento del tuo sito

che cosa sono seo e sem - factory communication

Se ti trovi su questa pagina è perché hai bisogno di capire che cosa sono SEO e SEM. Se volessimo limitarci a sciogliere le sigle, ti diremmo che sono (rispettivamente) la search engine optimization e il search engine marketing. Potremmo aggiungere che servono a migliorare il posizionamento su Google e che per questo motivo le aziende investono in SEO e SEM per il proprio sito.

Ma pensiamo di poterti dare molte più spiegazioni, perché probabilmente è quello che stai cercando. Allora, buona lettura!

SEM – SEO: Differenze

La prima cosa è capire che la SEO è una parte della SEM. L’ottimizzazione per i motori di ricerca di un sito web è una delle azioni che possono essere messe in campo in una search engine marketing strategy.

La prima e sostanziale differenza, quindi, è che la SEM è una branca del digital marketing, mentre la SEO è un processo interno della SEM (forse il più noto).

Possiamo essere più chiari? Sì, dandoti subito le definizioni di entrambi.

SEM: definizione

La SEM è talvolta chiamata search marketing. Talvolta viene assimilata alla SEA (search engine advertising) che, proprio come la SEO, è solo un processo interno del search engine marketing.

Come abbiamo accennato, si tratta di un settore del marketing digitale che è finalizzato ad attirare nuovi utenti verso il sito web, migliorando il posizionamento tra i risultati dei motori di ricerca.

Sono processi relativi al search marketing:

  1. La keyword research
  2. La SEO on page e off page (ne parliamo subito dopo!)
  3. L’advertising pay per click (ppc)
La SEM è chiamata search marketing - Factory Communication

SEO: definizione

L’ottimizzazione SEO richiede una strategia che dà risultati nel lungo periodo. Lo scopo è di posizionare un sito web tra le prime posizioni nella SERP di Google attraverso la ricerca organica (cioè senza uso di campagne a pagamento).

Si suddivide in SEO on page o off page.

SEO on page

La SEO on page è l’ottimizzazione delle pagine e dei metadati interni al sito internet.
Curando questi aspetti, il crawler di Google riesce a leggere i contenuti, indicizzarli e attribuire un punteggio nel ranking.
Ad un punteggio più alto corrisponde un posizionamento migliore tra i risultati di ricerca: essere tra i primi risultati ti dà una maggiore visibilità rispetto ai concorrenti.
Ogni contenuto dovrebbe essere ottimizzato per una parola chiave (o più).
Ma non ci sono solo i testi da curare: anche gli url, i metadati che finiscono nel codice html e la link building interna (la rete di link interni al sito, che permette i rimandi tra una pagina e l’altra).
Della SEO on page (o meglio, on site) fanno parte anche tutte le migliorie tecniche del sito. Tra le più importanti: costruire la sitemap che guida Google nella struttura del sito; controllare che tutti i link funzionino e non ci siano contenuti duplicati; inserire la privacy e la cookie policy.

SEO off page

La SEO off page invece è un’ottimizzazione che si svolge dall’esterno del sito. Google ritiene che se altri siti ci linkano e ci danno referenze, siamo più autorevoli.
Se siamo più autorevoli, i nostri contenuti sono più in linea alle richieste degli utenti che digitano le parole chiave sulle quali vogliamo posizionarci.

Per fare questo, bisogna cercare di ottenere dei backlink da siti esterni di settore, oppure dai social network. Non è quindi raro che tali portali vengano contattati dagli editor per richiedere una referral e l’inserimento di un link. Farsi notare in un altro modo nel mare magnum del web è più difficile per una piccola azienda: per questo diventa fondamentale curare nei dettagli l’ ottimizzazione SEO on page.

Ottimizzazione SEO - Factory Communication

Ok, ma c’è anche la SEA

Un breve accenno anche alla SEA, oggi erroneamente assimilata alla SEM tout court. La SEA o Search Engine Advertising include tutte le azioni di campagne a pagamento sui motori di ricerca. In questo ambito a fare da padrone è ancora una volta Google, con il sistema Google Ads (ex Adwords). Recentemente Google Ads si è arricchito di nuove funzionalità per i marketers, come Performance Max che gestisce budget e aste in maniera automatizzata, aiutando la campagna a raggiungere gli obiettivi di vendita.

Quando fare SEO e quando ricorrere a Google Ads per attirare nuovi clienti potenziali

Speriamo di aver chiarito le differenze tra SEO e SEM, ed anche SEA. Resta solo un’ultima cosa che pensiamo valga la pena approfondire: quando conviene usare la Strategia SEO e quando invece è meglio ricorrere alla SEM / SEA con Google Ads.

SEO organica: pro e contro

La SEO ha molti vantaggi e un solo svantaggio. La ricerca organica è gratuita. Quindi, creando contenuti di valore e ottimizzati, ottieni una visibilità importante senza investire un euro di budget in pubblicità.

A seconda del tuo settore, puoi posizionarti su parole chiave con un volume di ricerca alto e quindi farti trovare facilmente da molte persone.

Di contro, puoi scegliere keywords di nicchia e intercettare solo le persone davvero in linea con la tua offerta. Questo dipende dalla tua SEO Strategy. Rappresenta anche un investimento nel tempo, poiché siti più maturi tendono ad essere indicizzati meglio da Google.

Di contro, vedrai i risultati della Search Engine Optimization nel lungo periodo (in genere, non meno di tre mesi).

Quando fare SEO e quando ricorrere a Google Ads - Factory Communication

Google Ads: pro e contro

Le campagne Google Ads sono facili da gestire. Anch’esse si basano sulle parole chiave usate dagli utenti durante i motori di ricerca. Se sponsorizzi un contenuto, potrà comparire tra i primissimi risultati su Google, prima di quelli “organici”, cioè non sponsorizzati con una campagna. I nuovi strumenti di Google Ads ti semplificano ulteriormente il lavoro grazie all’automazione. Il contro? I risultati sono proporzionati al budget e i benefici nel portare il traffico al sito web finiscono non appena interrompi la campagna.

Solo una strategia di web marketing per obiettivi può dirti quando usare la SEO e quando le campagne Ads

Se circoscrivi la tua valutazione agli aspetti funzionali della SEO e delle campagne Ads, scegliere è difficile. Ma c’è una regola da seguire sempre: puoi attirare nuovi clienti solo se hai una strategia di marketing digitale solida e orientata agli obiettivi.

Una marketing strategy ti permette di comprendere quali strumenti digitali sono vantaggiosi per te, a seconda di alcuni aspetti rilevanti:

  1. I tuoi obiettivi;
  2. Il tuo settore;
  3. Il tuo target;
  4. Il tuo posizionamento sul mercato;
  5. Il tuo budget;
  6. Le tue competenze interne;
  7. La possibilità di contrattualizzare agenzie o freelance a supporto ecc.

In questo modo ti sarà molto più facile comprendere quando preferire la SEO organica e quando una buona campagna a pagamento su Google Ads.

Per costruire una strategia di web marketing digitale, puoi rivolgerti a Factory Communication. L’agenzia ti offre una consulenza SEO dedicata dalla A alla Z per tutte le fasi della strategy, dalla pianificazione fino alla realizzazione delle singole azioni. Tra i servizi di Factory, trovi anche la SEO strategy e la realizzazione di campagne Google Ads.

Vuoi sapere qualcosa in più su questo servizio?

Dovresti proprio dare un’occhiata alla pagina dedicata alle Strategie di Marketing e Comunicazione.

Condividi su